Aspettando il futuro
Riflessioni e spunti per prepararci al nuovo mondo

Scrutando dall’Oblò

Questo periodo di emergenza sanitaria e conseguente invito/costrizione di rimanere a casa (per chi una casa ce l’ha…) abbiamo cercato di utilizzarlo come un ideale pitstop…un momento cioè in cui fare il punto della situazione su ciò che quotidianamente facciamo, sia nel cercare di realizzare i nostri obiettivi che per affrontare i problemi che si presentano. E perché no… stabilire se tutto ciò lo facciamo in linea con i nostri valori…

E’ forse da parecchio tempo, infatti, che non si presenta una situazione in cui dobbiamo fermarci…e ciò che conta, non da soli…ma contemporaneamente a milioni di altre persone, tanto che le nubi di smog sulle più grandi città del mondo si sono diradate e la muraglia cinese sembra dai satelliti il sorriso della Terra.

Ebbene, per riprendere, senza rifare di nuovo ciò che prima facevamo quasi come automi, come diceva il compianto Remo Bodei, abbiamo pensato di dedicare questa sezione del sito della Passaparola, dalla forma di oblò, per dare indicazioni, suggerimenti di giochi ed esercizi raccolti in più di trent’anni di lavoro, per rimettere a nuovo gli attrezzi (idee, strumenti e modi di pensare) che ciascuno ha nella propria valigetta “culturale” prima della ripresa della vita…per chi purtroppo non l’ha perduta o da vicino vista  perderla in questi terribili mesi…

Non crediamo di avere insegnamenti particolarmente saggi da impartire, dato che noi stessi inevitabilmente apparteniamo all’esercito umano schierato contro la natura, e dunque portiamo il nostro bel carico di responsabilità. Tuttavia, vorremmo provare a lanciare qualche idea per rimettere in esercizio gli attrezzi della nostra stessa valigia, per affrontare insieme agli altri ciò che le nostre scimmiette vedono dall’oblò…un mondo che non sarà magari da ricostruire nei palazzi e negli edifici, come dopo la fine di una guerra mondiale, ma certo da ripensare con mente occhi e parole nuove….

Questa è la sfida che vorremmo giocare con voi nel prossimo venturo Day after…Buon atterraggio a tutti e che tutto non ritorni subito come prima!

Assertività

Aspettando il futuro
Premessa. Nel brano precedente ci siamo lasciati con un interrogativo. Come è possibile coniugare libertà e adesione ad un gruppo e alle sue regole? La realtà del gruppo, infatti,  costituisce un terreno in cui si manifestano tutta una serie di ostacoli che impediscono di fare tutto ciò che in teoria…
Leggi tutto

Il fascino del cerchio

Aspettando il futuro
Premessa. Riprendiamo oggi il percorso da cui abbiamo deviato per qualche giorno, presentando il gioco dal titolo Cerchio magico (vedi alla fine). E’ tratto dal testo Reti di formazione alla nonviolenza ed è finalizzato non solo a riprodurre in qualche modo la realtà (secondo la regola del “come se” o…
Leggi tutto

L’anno dell’empatia senza più alibi.

Aspettando il futuro
Premessa. Con un contributo illuminante che Chiara Pavone, Homo Empaticus – Jeremy Rifkin, la civiltà dell’empatia, ha scritto sul libro di questo autore, La civiltà dell’empatia, Milano, Mondadori, 2010, apriamo questo nuovo anno 2021 dedicandolo per intero all’empatia. Questo infatti dev’essere l’anno dell’empatia. Ma, come spiegheremo subito, senza più alibi. E’…
Leggi tutto

Empatia natalizia.

Introduzione. Per un attimo sospendendo, ma fino ad un certo punto, il filo rosso che lega i brani che stiamo pubblicando, dedichiamo al gioco Empatia (vedi sotto) quello di oggi, venerdi 25 dicembre 2020. Di questo secolo e millennio il primo, e la specie umana spera l’ultimo, Natale dominato dalle…
Leggi tutto

Quali le qualità del gruppo?

Premessa. Due quattro otto. Non vogliamo parlare tanto di numeri, quanto di qualità del gruppo, citando il titolo dell’ennesimo gioco che proponiamo oggi (leggi alla fine del brano). Esso è incentrato fondamentalmente sul tema della presa delle decisioni. Terreno cruciale per la vita di un gruppo. Per l’evidente ragione che…
Leggi tutto

Simboli

Premessa Il gioco che presentiamo oggi, Simboli (vedi al termine del brano), si pone in ideale continuità con quello, dal titolo Torri, oggetto dello scritto della settimana scorsa. In entrambi i casi si mettono in evidenzia le potenzialità del lavorare insieme e del gruppo. L’intera proposta del training alla nonviolenza,…
Leggi tutto

La torre e il formicaio.

Premessa. Il gioco che presentiamo oggi dal nome Torri (vedi sotto), ci da una duplice opportunità. Da un lato ci permette di esplorare una peculiarità di tanti nostri esercizi tradizionali, ossia la contemporanea presenza nello stessa esperienza di una delle classiche antinomie cooperazione-competizione. E dall’altro di esplorare la doppia natura…
Leggi tutto

Si, viaggiare.

Premessa. Oggi facciamo una apparente eccezione alla regola. Non descriveremo in particolare un gioco tra quelli della nostra tradizione. Ma parleremo di ciò che li ricomprende tutti: la metafora. Anzi parleremo delle metafore che negli anni abbiamo utilizzato nella nostra esperienza del training alla nonviolenza. Quella che a sua volta…
Leggi tutto

Che gioco vorrei essere

Premessa. Il brano di oggi prende ancora le mosse dal gioco presentato la settimana scorsa: Ruoli di giochi. Per sollecitare un balzo in avanti. Nel senso che se finora abbiamo cercato di descrivere e valorizzare i giochi del nostro patrimonio, ora si tratta di porci la domanda, non già a…
Leggi tutto

A che gioco giochiamo?

Premessa. L’esercizio n. 80 del testo Reti di formazione alla nonviolenza, Torino, 1999, rappresenta un punto di svolta. Già il suo titolo Ruoli di gioco è molto significativo da questo punto di vista. Con esso, infatti,giunge a compimento una fase decisiva del nostro discorso. Cosicchè, prima di proseguirlo, ci sembra…
Leggi tutto

Gioca che (ti) passa

Premessa. Il brano di oggi è dedicato allo strumento training più importante: il gioco dei ruoli (vedi sotto). Ne consigliamo la lettura prima di procedere in questo scritto. Con l’avvertenza che dello strumento riportiamo, per brevità, solo la del versione base. Dato che da essa discendono, a grappolo, una molteplicità…
Leggi tutto

Profeti di avventure

Premessa Il bel libro di Alberto Melucci, L’invenzione del presente, Milano 1991, si apre con la frase “Profeta: colui che parla avanti”. In chiave estensiva il termine può essere anche riferito a chi indica la strada. Ecco perchè si può far coincidere la strada col viaggio e quindi con il…
Leggi tutto

Città e villaggi futuri.

Premessa. Come preannunciato nel precedente brano, nell’ambito del secolo scorso, definito da Eric J. Hobsbawm il secolo breve breve, c’è chi ha definito l’ultima fase, comprendente anche il periodo attuale, come hanno fatto Miguel Benasayag e Ghérard Schmit  L’epoca delle passioni tristi, Milano 2007. In apparenza tale definizione si aggiungerebbe a…
Leggi tutto

Il teatro invisibile: il nostro vaccino gratuito.

Presentazione. Uno dei giochi per molti versi dirompente del nostro patrimonio ludico è senza dubbio Teatro invisibile. Nella descrizione al termine del brano, non a caso, in grassetto, è stata inserita una segnalazione. Come se si trattasse di un oggetto pericolosissimo. E in effetti, quando lo sperimenti per la prima…
Leggi tutto

Generazione covid e la guerra del gorgo.

Premessa. Il brano di oggi si muove su tre piani: quello degli esercizi del nostro patrimonio ludico che ogni settimana riportiamo alla memoria;  quello della tematica che ci aiutano a focalizzare, a dimostrazione della loro efficacia; quello dei contributi di autori e saggi per meglio leggere il presente. Da qualche…
Leggi tutto

Vocabolario (tomo secondo)

Premessa Ci soffermiamo ancora sul gioco Vocabolario che da il titolo al presente brano e che abbiamo presentato nello scritto della settimana scorsa  Quale innovazione? L’Innovanza frutto dell’eguaglianza. Andando con la memoria all’uso che durante i training abbiamo fatto di questo interessante esercizio, salta agli occhi un aspetto particolare. Non…
Leggi tutto

Quale innovazione? L’Innovanza frutto dell’eguaglianza

 Introduzione. Un gioco di uno dei nostri manuali Reti di formazione alla nonviolenza, Torino 1999 si intitola Vocabolario (vedi sotto). La scelta di parlarne non è neppure oggi casuale. Infatti, come si può  pensare  in modo nuovo senza usare parole nuove?  Specie se il tema è, per l’appunto, l’innovazione?  Perciò, in continuità col…
Leggi tutto

La corsa della solitudine (parte seconda)

Introduzione Non pochi avranno notato che sinora abbiamo trascurato di dare conto dell’utilità del gioco Corsa della solitudine presentato già nel brano precedente, dal titolo Corsa della solitudine (prima parte). E soprattutto  alcuni, forse, avranno cercato di cogliere, leggendone la descrizione, che per comodità riportiamo alla fine anche di questo…
Leggi tutto

La corsa della solitudine (parte prima)

Il titolo del brano di oggi si ispira al nome del gioco che proponiamo (vedi al termine). Essendo una versione più dinamica del gioco Pipistrelli, oggetto del brano della settimana scorsa, ci pare utile parlarne per riflettere su un altro prezioso concetto che dimostra l’attualità del pensiero di Gregory Bateson…
Leggi tutto

Il pipistrello e il paradosso dello specchio.

Il gioco Pipistrelli, che presentiamo sotto, ci offre la possibilità di trattare un secondo importante insegnamento, tratto dall’opera di Gregory Bateson, che va sotto il celebre detto secondo il quale la mappa non è il territorio. Tutti i terrestri dovrebbero cioè oggi sapere che il nome che utilizziamo per indicare…
Leggi tutto

Labirinti e scale a pioli

Nel precedente brano ci siamo riproposti di iniziare un percorso di temi e spunti di riflessione per provare a fare il punto della situazione, a raccogliere le idee e a tirare il fiato per meglio affrontare lo sbigottimento di questo momento. Dato che la tanto celebrata complessità sembra oggi dover…
Leggi tutto

Sagome dopo il naufragio

Lo strumento di cui parliamo oggi (vedi sotto) ha una storia particolare. E’ nato come variante del gioco Ritratto ma con l’andare del tempo si è guadagnato una sua autonomia e viene usato, col nome di Sagoma, tutte le volte che si tratta di illustrare le caratteristiche (qualità, competenze, pregi,…
Leggi tutto

La metafora dell’acqua e la vendetta della fisica

Anche il gioco che presentiamo oggi Ciechi e provocatori (vedi sotto), si inserisce nel filone degli strumenti che usano il gruppo come metafora dei problemi e delle strategie per affrontarli. Interessante può essere accompagnarlo alla lettura del libro di Garet Morgan, Images, le metafore dell’organizzazione, Milano, 2015. Ciò per inserirlo…
Leggi tutto

Bombe ad orologeria

Questa volta partiamo direttamente dal gioco settimanale, tratto dal nostro patrimonio ludico, per  prendere spunto per il brano di oggi. Lo trovate in fondo alla pagina…il suo titolo è Totem. Ci sembra interessante proporlo in questo periodo in cui ricorre il settantacinquesimo anniversario dell’ufficiale comparsa nella storia dell’ordigno nucleare: il…
Leggi tutto

Il gioco dell’infiltrato e il cesto delle mele marce

Un altro insegnamento ascrivibile al magistero dell’inconsapevole Prof. Covid può essere intitolato “il processo di infiltrazione”, di cui costituisce un piccolo ripasso il gioco L’infiltrato, attinto dal nostro bagaglio di giochi e riportato al termine del presente brano. I punti cardine del loro insegnamento (di Prof. Covid e del gioco…
Leggi tutto

John Rawls…o Rolling Stones?

Dobbiamo rispondere a delle richieste che ci sono giunte per sapere quando avremmo parlato dei Rolling Stones… Dopo un attimo di smarrimento e diversi tentativi, abbiamo capito che c’è  stato un equivoco…Nel precedente brano abbiamo menzionato John Rawls e probabilmente il maligno T9 ha generato nei devices di diversi lettori…
Leggi tutto

Diamoci una regolata!

Il senso di colpa che, forse, abbiamo provato, tra una torta e l’altra, durante l’isolamento da pandemia (sembra passato moltissimo tempo…) è stato causato dalla guerra senza quartiere dichiarata a madre natura, riproponendoci, passata ‘a nuttata, di uscirne con il buon proposito di darci regole nuove nel rapporto con essa…
Leggi tutto

Le regole del gruppo

Il tentativo di dare vita a qualche forma di aggregazione sociale si è sempre storicamente scontrato con innumerevoli ostacoli. Alcuni ci sembrano interessanti per capire perché gli esperimenti condotti hanno avuto una vita più o meno lunga. Intanto ci sembra di poter distinguere, per brevità, due tipi di tentativo. Uno…
Leggi tutto

Tempi Moderni

Nel dare seguito al precedente scritto, dedicato al gioco delle Quattro tribù, per la cui descrizione rimandiamo ad esso, dal titolo omonimo, ci sembra importante ora riflettere su come utilizziamo il nostro tempo e se da questo punto di vista riteniamo di sentirci in grado di incidere sulla sua qualità.…
Leggi tutto

Le Quattro Tribù

E’ questo il titolo di uno dei giochi probabilmente più avvincenti del nostro patrimonio ludico. Lo riportiamo qui sotto ed è tratto dal testo Reti di formazione alla nonviolenza. Viaggi in training (1992-1998), Torino 1999, scritto a sei mani dagli allora soci Enrico Euli, Antonello Soriga e dal sottoscritto. Dopo…
Leggi tutto

Macchina senza macchia?

In un recente seminario dedicato al conflitto, abbiamo proseguito nel tentativo di ripassare alcuni concetti che dovremmo tenere sempre presenti ogniqualvolta ci sembra di essere alle porte di una nuova fase. Posto che da molto tempo ci sentiamo ripetere che siamo in una fase di transizione epocale, per non assuefarci…
Leggi tutto

Il dilemma capitale: competere o cooperare?

Mai nessun periodo è stato così dirompente come questo nello scuotere alle fondamenta i nostri valori più radicati…tutto ciò che prima ci appariva buono e positivo ora sembra diventato problematico se non minaccioso…vivere accanto agli altri, avere gesti di affetto, abbracciarsi diventa sia occasione per coltivare gli affetti e i…
Leggi tutto

Movida o….Covida?

A leggere i giornali di ieri, 21 maggio 2020, sembra sia questo il vero dilemma che attanaglia l’umanità che cerca disperatamente di tornare alla vita post covid: la cosiddetta fase 2…formula che trasferisce sul piano linguistico un desiderio di controllo in realtà saldamente nelle mani, invece, del generale Covid-19. E…
Leggi tutto

Viva la famiglia viva

  Cade proprio a pennello questa giornata mondiale della famiglia. Un luogo fisico e affettivo duramente messo alla prova in questo inedito periodo di emergenza sanitaria. Non c’è disciplina scientifica che non si sia dovuta interessare della famiglia, sia nel bene che nel male. Basta che vi sia nascita che…
Leggi tutto

Fuoricoperta, fuori capanna e fuori caverna

Con l’allentarsi delle misure restrittive per combattere il Covid-19, sono tanti gli spunti di riflessione che emergono. E tanti sono gli esercizi e i giochi del nostro patrimonio ludico, che possono essere considerati utili a rappresentare l’attuale situazione di incertezza e, soprattutto, l’atteggiamento col quale ciascuno potrebbe affrontare anche questa…
Leggi tutto

Ritornano i mostri…

Arrivano i nostri. Quasi sempre nelle grandi ed epiche battaglie si staglia all’orizzonte il settimo cavaleggeri per salvare dall’assedio il manipolo di disperati ormai ad un passo dalla resa… Quante volte questa scena l’abbiamo vista nei film western o nei fumetti…insomma in quelle storie in cui il bene vince sul…
Leggi tutto

Ri-raccontiamocela tutta…per fare meglio i conti con la realtà: esempi di Narrativa Psicologicamente Orientata per grandi e piccini.

In occasione di uno dei suoi recenti seminari tenutosi a Cagliari, Alberto Pellai è tornato sull’efficacia della Narrativa Psicologicamente Orientata (NPO) (per un approfondimento vedi shorturl.at/jlJPT ) per mobilitare e nobilitare la letteratura come uno dei migliori alleati dei bambini nel processo di riconoscimento delle proprie emozioni. Da questo punto…
Leggi tutto
Menu