24 marzo: presentazione libro sul bullismo. Cagliari via Brianza

image
Presentazione del libro "Bulli, gregari e vittime" di B.Furcas e I. Gambella, Arkadia 2018. Sabato 24 Marzo, ore 17,00 allo StraKrash di V. Brianza a Cagliari

Ancora il bullismo e nella versione web, il cyberbullismo, per portare in pubblico, stavolta esaltate dall'uso della rete, storie di ordinaria sopraffazione.

Tali dinamiche sono sempre esistite, ma oggi pensiamo sia possibile esigere che venga messa indiscussione la risposta con la quale cercare di far fronte al fenomeno.

Di qui l'opportunutà del sottotitolo del libro...siamo tutti sulla stessa barca...Ma come provare a farlo comprendere al bullo? Tale messaggio,infatti, potrebbe leggerlo nel senso comune...oggi a me (subire...) domani a te...Ma allora la risposta può venire dai gregari? Cioè da coloro che temono di essere a loro volta presi di mira dal bullo? E consola il fatto di essere in gruppo? Ma un gruppo di gregari può miracolosamente trasformarsi in un gruppo di coraggiosi...in barba alla più semplice delle regole di logica? Senza contare che c'é gregario e gregario...c'é il gregario che fa parte del gruppo di spedizione del bullo e c'é il gregario che assiste alla scena...E tale distinzione è ancora valida negli episodi di cyberbullismo?

Il libro accosta a storie di bullismo possibili risposte di tipo giuridico ed educativo. Questi due approcci vanno sempre d'accordo o possono entrare in contraddizione?

E se il bullo è di quelli già informati delle conseguenze giuridiche di quanto sta compiendo cambia qualcosa?

E l'educazione contro il bullismo non deve iniziare in chiave preventiva da subito? Se è così che cosa dobbiamo fare per renderci capaci di rispondere anche al bullismo?

Può intanto essere utile  parafrasare quanto riportiamo negli aforismi della sezione "Dicono i saggi..." di questo sito. "Non si insegna affatto agli uomini a essere onest'uomini, si insegna loro tutto il resto". (B. Pascal)